Home SezioniRitratti James Senese

James Senese

by Augusto De Luca

In quanti brani musicali di Pino Daniele abbiamo ascoltato e gustato quel sassofono che li caratterizzava in maniera assolutamente unica tanto da diventarne un elemento indispensabile ed irrinunciabile? 

Era il sax del mitico James Senese, che ricordiamo anche per aver suonato negli Showmen e in Napoli Centrale.

Andai a fotografarlo a casa sua in un parco appena dopo il Real Bosco di Capodimonte.

Appena entrato chiesi ad un uomo dove abitasse il grande musicista e, quando alcune persone intorno sentirono che chiedevo di James, si avvicinarono formando un gruppetto considerevole che, in pochi secondi, mi mise al corrente di tutte le sue abitudini, degli spostamenti e degli orari per incontrarlo e avere “udienza”.

Capii che era molto amato e anche che era considerato come il fiore all’occhiello del quartiere… il “santo protettore”.

Bussai alla porta e James venne ad aprirmi. A prima vista mi ricordava vagamente Jimi Hendrix, rimasi subito colpito dal suo vocione profondo dai toni bassi e dal suo color cioccolato, che era in totale contrasto con il marcato accento napoletano.

Fui affascinato dalla sua gentilezza, umiltà e soprattutto serenità. Entrammo nello studio dove custodiva alcuni strumenti e registratori, ma intuii subito che per fotografarlo mi sarei concentrato e avrei privilegiato soltanto il viso.

Di solito mi piace dare ad ogni personaggio un alone surreale. In quasi ogni ritratto c’è un elemento che è presente nel luogo dove incontro la persona da ritrarre che è legato a quella celebrità, ma anche che mi colpisce e fa da trait d’union con la mia interiorità.

Stavolta volevo raccontare maggiormente la profondità dello sguardo tralasciando la bellezza formale di tutta l’immagine. Volevo approfondire e fare un’analisi introspettiva del soggetto, cercando di evocare alcuni tratti del carattere e della personalità. Desideravo, insomma, evidenziare il contenuto più che la forma.

James fu incuriosito dal fatto che io lo fotografassi a distanza così ravvicinata, ma mi lasciò fare divertito.

Dopo qualche scatto mi offrì un caffè e parlammo a lungo della sua esperienza e del suo rapporto con Pino. Ci furono anche momenti di sincera commozione. Sarei rimasto lì ad ascoltare ancora per molte ore.

Quanta storia e quanta umanità avevo incontrato inaspettatamente quella mattina…

Potrebbe interessarti

Livenet News Network Palloncini Capodanno Cinese a Napoli 2024